Procedura di sabbiatura con ghiaccio secco

Il principio funzionale

I pellet di ghiaccio secco vengono accelerati a circa 1000 km orari (più o meno la velocità del suono), servendosi degli impianti di sabbiatura con ghiaccio secco di White Lion e dell’aria compressa e poi gettati direttamente sul componente da pulire. I fattori fisici significativi riportati qui di seguito sono in gran parte responsabili dell’effetto ottenuto da questa procedura.

Una rappresentazione schematica dell'effetto termico della pulizia con il ghiaccio secco

L’effetto termico: il congelamento puntuale

I pellet di ghiaccio secco che colpiscono il componente generano un congelamento puntuale improvviso del rivestimento o della sporcizia da eliminare.

A causa dei diversi coefficienti di espansione termica dello strato di sporcizia e del pezzo da lavorare, si sviluppano tensioni termiche tra i due strati. Queste tensioni termiche causano la micro-fessurazione decisiva nello strato di sporco. La sporcizia diventa fragile e scoppia letteralmente.

Più è elevata la differenza tra i coefficienti di espansione, più aumenta il tasso di rimozione e quindi l’economicità della pulizia con il ghiaccio secco in generale.

L’effetto cinetico: L’eliminazione del rivestimento e/o della sporcizia mediante lo scoppio

L’elevata energia cinetica dei pellet di ghiaccio secco non solo permette che essi si deformino quando si scontrano con il pezzo, ma causa anche la formazione di microfessure all’interno dello strato di sporco. Le piccole particelle di ghiaccio secco penetrano profondamente all’interno di queste fessure e quindi minano lo strato del materiale da eliminare.

Una rappresentazione schematica dell'effetto cinetico della pulizia con ghiaccio secco
Una rappresentazione schematica dell'effetto di trasformazione di fase prodotto dalla pulizia con ghiaccio secco

L’effetto della trasformazione di fase – Il processo di sublimazione

Le particelle di ghiaccio secco, che sono penetrate all’interno delle fessure formatesi a causa della fragilizzazione del materiale, ora subiscono una sublimazione improvvisa (transizione dallo stato solido a quello gassoso). Mediante l’aumento del volume durante il processo di sublimazione da circa 700 a 1000 volte, lo strato da eliminare è completamente separato dal pezzo stesso. Ora il mezzo di sabbiatura con ghiaccio secco assume una forma gassosa.

Il risultato: Una superficie pulita e non danneggiata

A differenza delle tradizionali tecniche di sabbiatura, la procedura di sabbiatura con ghiaccio secco è una procedura non abrasiva. Questo significa che non c’è abrasione sul pezzo. La superficie al tocco sembra nuova.

Una rappresentazione schematica del risultato della pulizia con ghiaccio secco
I pellet di ghiaccio secco sono la materia prima per la pulizia con ghiaccio secco.

Proprietà fisiche del pellet di ghiaccio secco

Peso specifico del pellet: 1,56 g/cm 3Durezza: circa 2 Mohs
Granulometria: 3 mm
Livello di rugosità ottenibile: assenza di irruvidimento della superficie

* ###form.mandatory###